Raffaella Vallefuoco

Nu juorn nu criatur
ca asceva a dint a scol currett mbracci a mamma
era piccerill ancor
cu a man dint a man passavan pa via
raccuntannes o bben ca e mamm vonn e figli
stevan sott a cas
e a copp allui balcon
ce steva ll'ata figlia
ca nun sapeva ancor
ca chell era l'ultima vota
ca puteva chiamma a mamma
pecche' dint a nu mument l'hann arrubbate e suonn
nu sparo, e nu criatur
ca nun capisce ancora
cu e man dint e man
a chi nun ce sbatt chiu' o cor.
a copp a nu balcon
allucc, chiant e strill
ma nun ce sta niente a fa
s'hann pigliat a Silvia
e stavota nzieme o sang
se so purtat pur
e suonn ca tenevan sti doie criature.
a mamm nun se scord
se port dint o cor
ma ie vulesse sape'
quant ati muort ancor
pe mezza e chesta gente ca nun tene e valor
quanta criatura ancor
hanna pruva' chistu dulor.

ad Alessandra Clemente ed a Francesco con tutto il mio affetto. Vi voglio bene piccoli.

Raffaella Vallefuoco
membro del Coordinamento Campano dei familiari delle vittime innocenti di criminalità,
sorella di Alberto Vallefuoco, giovane vittima innocente della criminalità organizzata.

 

Raffaella Vallefuoco